Ordini pendenti e trading lontano dal computer

ordini pendenti

Ricevo spesso delle mail che sostanzialmente recitano così : Ciao Luca, scusa te ti disturbo ho visto che fai trading, mi piacerebbe anche a me provarci, ma ho poco tempo perché ho già un lavoro a tempo pieno…

Molte persone che vogliono imparare il trading, si pongono il problema del tempo … mi sembra giusto… prima d’impegnarsi, bisogna capire come funziona il Trading online.

Facciamo subito una precisazione, esistono diversi tipi di operatività, abbiamo lo scalper, colui che compie moltissime operazioni al giorno, ognuna delle quali garantisce un piccolo guadagno, e sommandole tutte insieme abbiamo un bel profitto, poi abbiamo l’operatività l’intraday, dove il trader osserva i grafici la mattina e decide la sua operatività giornaliera, infine abbiamo la tecnica della price action daily, con la quale si esaminano i grafici una volta al giorno, la sera, alla chiusura di Wall Street e in base a quello che il prezzo mostra, si decide la propria operatività.

Quindi, per chi ha poco tempo suggerisco di adottare quest’ultima tipologia di operatività. Ma in soccorso del fattore tempo abbiamo anche il fatto che le moderne piattaforme di trading permettono di impostare tutta una serie di ordini pendenti per vendere o comprare strumenti finanziari, anche quando noi non ci troviamo di fronte al computer.

Per sapere come utilizzare questa opportunità andiamo ad analizzare le varie tipologie di ordini.

Quando abbiamo la convinzione che un titolo aumenterà di prezzo e lo andiamo a comprare, effettuiamo un ordine buy, e in gergo si dice che stiamo effettuando un’operazione di tipo long, al contrario quando andiamo a vendere si apre una posizione short.

Ordini Stop e Limit

Sia in vendita che in acquisto, quando cerchiamo una conferma, andando ad operare in direzione del mercato stiamo impostando un ordine di tipo stop. Quando il prezzo raggiunge il livello di entrata, l’ordine viene triggerato (eseguito) e siamo a mercato, a meno che non accada un requote o uno slippage.

Nel caso invece volessimo migliorare il rapporto rischio rendimento, ricercando una momentanea correzione del prezzo andiamo ad effettuare un ordine limit.

In sostanza ricerchiamo un movimento contrario al mercato che poi riprenda la sua direzione. È chiaramente un ordine più rischioso perché il prezzo potrebbe continuare nella direzione opposta andando a triggerare l’entrata e successivamente anche lo stop loss.

ordine pendente stop limit

Stop Loss e Take Profit

Abbiamo appena introdotto un nuovo concetto quello appunto dello stop loss, un parametro che dovrebbe essere sempre inserito nelle nostre operazioni, si tratta in pratica d’istruire la piattaforma sulla quantità massima di euro che siamo disposti a perdere.

Ricordate che lo stop loss è l’unico strumento che abbiamo per proteggere il nostro capitale da movimenti imprevisti del mercato.

Anche per la presa di profitto abbiamo il parametro relativo, il take profit con il quale diciamo alla piattaforma il livello su cui chiudere la nostra posizione e monetizzare l’operazione.

Esiste un’altra tipologia di ordine che potrebbe rivelarsi utile nel momento in cui lo scenario che andiamo ad analizzare ci prospetta due possibili evoluzioni, sto parlando dell’ordine OCO (One Cancels the Other), con il quale impostiamo due possibili prezzi di entrata e il primo che sarà preso cancellerà automaticamente l’altro.

Infine abbiamo il trailing stop, un ordine che è molto utile per continuare a generare profitti fino a quando non ci sarà un inversione di tendenza, calcolata su un margine di pips impostato da noi. Facciamo un esempio, se abbiamo una posizione aperta di tipo buy sull’ eurodollaro e abbiamo impostato 20 pips sul trailing stop, quando il prezzo comincerà a scendere abbiamo un margine di 20 pips prima che l’operazione sia chiusa automaticamente dalla piattaforma.

Come abbiamo visto il training è un’attività che si può svolgere con pochissimi minuti al giorno, con la tecnica che utilizzo io i grafici si aprono una volta al giorno, in serata, si decide la propria operatività impostando gli ordini in piattaforma e il giorno successivo si andrà a controllare come si è evoluta la situazione e decideremo come continuare a gestire le nostre operazioni.

Videocorso Imparare il Trading – Gli ordini pendenti

Lascia un commento...è gratis...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *