Come risparmiare soldi

come risparmiare soldi

Oggi voglio parlarti di come aumentare il tuo potere d’acquisto, ma per una volta non tratteremo metodi per guadagnare soldi, ma piuttosto su come risparmiare.

Non voglio darti dei consigli scontati, scusa il gioco di parole. Non ti dirò di eliminare le sigarette, l’automobile o il telefonino. Piuttosto vedremo come risparmiare soldi senza cambiare le nostre abitudini di consumo.

Immaginiamo i nostri risparmi come un sacco, ogni volta che facciamo una spesa, attingiamo da esso. Se preleviamo più rapidamente di quanto riusciamo a riempirlo, ci ritroveremo prima o poi senza soldi. Sembra un concetto banale, ma ti assicuro che rappresenta una delle basi dell’intelligenza finanziaria.

Tralasciando il fatto che è indispensabile avere una forma di reddito, dobbiamo trasformarci in consumatori intelligenti per rallentare il flusso di denaro in uscita.

Almeno fino a quando le entrate non saranno talmente superiori alle spese da non dovercene più preoccupare.

Confrontare le offerte

La nuova frontiera del commercio viene offerta da Internet. L’e-commerce ha drasticamente cambiato il modo di fare compere. In un tempo brevissimo possiamo confrontare decine di offerte per lo stesso prodotto e scegliere la più conveniente.

Andiamo su Ebay o Google Shopping, inseriamo il nome del prodotto e scorriamo i risultati, ordinandoli per prezzo. Aggiungi al carrello, paga con carta di credito o Paypal e non dobbiamo fare altro che aspettare la consegna della merce.

Niente sbattimenti nei centri commerciali, nessuna spesa per la benzina e per il parcheggio. Massima convenienza con il minimo sforzo.

Il sistema del confronto è largamente usato anche nel settore delle utenze domestiche. Portali come Facile.it o Segugio, permettono di calcolare i consumi energetici della nostra abitazione e di trovare l’offerta più conveniente alle nostre esigenze. Ma non abbiamo solo il risparmio energetico, perché con queste ricerche si può risparmiare sull’assicurazione, compilando un modulo elettronico e avere in pochi secondi il preventivo della polizza. Con lo stesso sistema si può trovare la banca che offre le migliori condizioni per un finanziamento, un mutuo o un prestito.

risparmiare sui viaggiChi ama viaggiare, sicuramente conoscerà Booking, Trivago, Edreams, tutti portati dedicati per trovare le migliori offerte relative al turismo, sia per i voli che per i soggiorni in albergo.

Il risparmio si può portare in tasca, grazie alle numerosi applicazioni per Android e iOS. Ad esempio posso consigliarti Amazon App, che consente di scannerizzare il codice a barre di un prodotto e controllare se su Amazon c’è un’offerta più convivente. Per chi invece ama andare per negozi fisici, la soluzione è Idealo, che ha sempre la funzione di scannerizzazione, ma consiglia l’offerta più conveniente confrontando i vari concorrenti in zona.

Risparmiare con i gruppi di acquisto

gruppi di acquistoIl Web ci ha regalato tantissime altre opportunità di risparmio. Ad esempio gli acquisti online in gruppo, una delle tante soluzioni offerte dal processo di globalizzazione e sempre più alla portata di tutti.

Questa maniera di fare spesa nasce con la necessità di fare acquisti risparmiando, d modo da gestire il budget mensile famigliare nel migliore dei modi.

Il sistema dei gruppi di acquisto si sta diffondendo soprattutto grazie ai social network. Alcune volte la condivisione dell’offerta è forzata, nel senso che il sistema obbliga l’utente a postare l’inserzione sulla sua bacheca prima di concludere la transazione. In altri casi, l’utente spontaneamente condivide con amici e parenti la possibilità di usufruire di un bene o servizio a prezzo ridotto. Come ultima situazione, può esistere la possibilità di ottenere ulteriori vantaggi sponsorizzando l’offerta.

Funzionamento dei gruppi di acquisto

Innanzitutto dobbiamo fare una distinzione, tra gruppi di acquisto consolidati e le realtà che nascono spontaneamente sulla rete e che non hanno ancora potere di contrattazione.

Lo scopo è identico per entrambi; si va da un esercente e gli si fa una proposta. “Salve, siamo il gruppo di acquisto X, siamo 100 persone interessate a comprare presso di lei, ma il prezzo finale del suo prodotto deve essere molto scontato. Cosa ne pensa?

Il commerciante si farà due conti e se troverà l’offerta conveniente accetterà le condizioni. In gruppi non consolidati, ci si organizza tramite adesione, poi quando si sarà raggiunto il numero richiesto per l’acquisto, si procederà con la conclusione dell’affare.

Nei gruppi di acquisto consolidati, il potere di contrattazione è enorme. Dietro ad essi ci sono grosse società, che rappresentano la garanzia per il commerciante di raggiungere il punto critico del ritorno economico. Alcune volte, però, l’offerta è condizionata al raggiungimento della massa critica stabilita dall’altra parte. Se non si riesce a raggiungere il numero necessario, chi ha già versato la sua parte, si vedrà effettuato un rimborso o potrà utilizzare il credito per concludere qualche altro affare.

offerte cenaI consumatori ricevono tramite e-mail le offerte, ad esempio una cena in un ristorante, un percorso benessere in una SPA, una camera d’albergo, acquisti tecnologici e tanto altro. Le offerte possono arrivare a uno sconto anche dell’80%. In questo caso è evidente che il commerciante non guadagnerà nulla, ma conta sul fatto che i nuovi clienti, una volta provato il servizio, gli faranno pubblicità e a loro volta torneranno, questa volta a prezzo pieno.

Il tempo è un parametro fondamentale, l’offerta ha una durata limitata, normalmente 24 ore. Una volta messa online, parte il conto alla rovescia. È importante per il consumatore leggere tutte le condizioni di acquisto, soprattutto per capire quando scadrà la convezione. Fai molta attenzione soprattutto con gli alberghi, se nei termini dell’offerta è scritto che ci si potrà recare sul posto nei periodi più infelici dell’anno, allora passiamo oltre. Stesso discorso per i ristoranti, se non è prevista la possibilità di cenare con il coupon, il sabato e la domenica, tanti saluti.

Groupon e altri modelli

Esistono diverse realtà simili, prima tra tutte Groupon, che provvedono al loro sostentamento incassando una percentuale dagli esercizi commerciali che aderiscono ai loro progetti: in media ricavano un 20% su ogni vendita. La competizione sta alla base del tutto, poiché per attrarre un gran numero di acquirenti e spingerli a riunirsi in gruppo, bisogna proporre offerte convenienti.

Il modello dei coupon così strutturato arriva dagli Stati Uniti e si sta diffondendo sempre di più in Europa. Groupon, nato a Chicago nel 2008, approda in Italia nel 2010. La sua diffusione è un sintomo piuttosto evidente che il sistema di vendita tramite i coupon e i gruppi d’acquisto correlati, è destinato ad evolversi ulteriormente.

Groupon è stato il precursore di una serie di siti specializzati in offerte di gruppo che ha spianato la strada ad altre realtà funzionanti allo stesso modo. Tra questi si possono citare Poinx, Groupalia, Letsbonus.

Recentemente ho scoperto il piacere di andare al cinema pagando la metà. TheSpace ha aderito a queste iniziative, ti basterà cercare su Google “Coupon TheSpace” e comprare il buono sul portale che ha l’offerta valida. Una volta concluso l’acquisto, devi andare su IltuoTicket, registrarti e trasformare il coupon in un vero e proprio biglietto. Se non vuoi neanche fare la fila, vai sul sito di TheSpace e prenota i tuoi posti online, inserendo i dati del tuo ticket. Ti arriverà un SMS con il numero della transazione. Arrivato al cinema, fatti una risata guardando la gente in fila e procedi fino alle casse automatiche. Inserisci il numero riportato nel messaggio, prendi la stampa e vai a vedere il tuo film.

Risparmiare sulla spesa

couponFino adesso abbiamo visto offerte per servizi e prodotti tecnologici. In Italia non è ancora molto diffusa la logica dei coupon applicata sugli alimenti. Per lo meno non come negli Stati Uniti, dove è una vera mania.

Ma spulciando bene su Internet qualcosa si riesce a trovare. Ad esempio il Corriere della Sera ha una pagina dedicata ai coupon alimentari…

Può capitare che alcune offerte non siano valide nei supermercati vicino casa nostra. E allora a che servono? A scambiarli con altri utenti. Ancora una volta ci vengono in aiuto i social network, principalmente Facebook, dove si creano gruppi di scambio, dove gli utenti pubblicano quello che hanno a disposizione e cosa stanno cercando. Offerta e domanda s’incontrano grazie alla condivisione, lo spirito della sharing economy.

Ma qual è il modo di risparmiare sulla spesa a cui siamo abituati? Le offerte sui volantini. Quelli che ci lasciano nella cassetta della posta ogni giorno. Abitudine fastidiosa che ci riempie la casa di cartaccia. Il principio di risparmio però rimane molto valido. A tal proposito ti voglio consigliare il sito RisparmioSuper, in particolare la sezione supermercati. Grazie alla pratica funzione della mappa, puoi vedere tutti i prodotti in offerta dei supermercati nella tua zona. Il sito ti da la possibilità di fare la lista della spesa, suggerendoti i prodotti in offerta nei vari supermercati. Devi girare un po’ di più, ma alla fine si può arrivare a risparmiare anche il 50%. E come ti ho detto all’inizio, per risparmiare bisogna abbandonare la pigrizia.

Cashback

cashbackOltre ai coupon vi sono altri modi di risparmiare. Alcune volte si può arrivare persino a guadagnare qualcosa in più. Ti sto parlando del cosiddetto meccanismo del Cashback. Attraverso questo sistema, l’utente effettua i suoi acquisti nei negozi appartenenti al circuito, e una parte di quanto ha speso torna indietro sul conto.

L’iniziativa è stata sposata anche dalle Poste Italiane, con gli Sconti BancoPosta. Pagando con la Postepay in uno dei 300.000 negozi affiliati, senza chiedere nulla, sul tuo conto tornerà indietro una percentuale che va dal 2% fino al 40%.

Il sistema piace molto agli italiani e altre realtà sono entrate in questo mercato. Abbiamo ad esempio Lyoness, Evolving e MyG21. Quest’ultimo è il mio preferito. Perché?

Come primo motivo perché abbraccia la maggior parte dei settori merceologici che abbiamo visto fino adesso. Alimentari, Hi-tech, turismo, utenze domestiche e couponing. Partners come Illumia, Booking, Edreams, Apple, Poinx, garantiscono una vasta scelta di risparmio.

Inoltre possiamo guadagnare sugli acquisti fatti dalle persone che introduciamo su MyG21. Iscrizione che non ha nessun costo. Ti consiglio un piccolo trucco, iscrivi prima membri della tua famiglia, in ordine di potere d’acquisto. L’ultimo iscritto sarà colui che nel nucleo famigliare paga le spese. In questo modo il cashback si distribuirà a scalare per tutta la famiglia.

Infine, il grosso vantaggio consiste nel fatto che una volta raggiunto un risparmio di 50€, arriverà il bonifico e con quei soldi potrai fare quello che ti pare.

Economia virtuosa ?

Concludiamo introducendo dei modelli economici destinati ad entrare nel commercio innovativo che premia soltanto le aziende virtuose. Cosa s’intende con azienda virtuosa? Si tratta di quelle attività che non puntano solo all’accumulo (profitto) ma favoriscono anche la circolazione del denaro.

Un sistema economico portato avanti da SixthContinent, una comunità nata per favorire il finanziamento di queste aziende. Il sistema consente poi di premiare gli acquisti giusti grazie al reddito di cittadinanza, ricevuto dai membri della comunità. Un reddito che s’inizia ad acquisire dal momento in cui ci si iscrive, utile per coprire sino al 50% del prezzo del prodotto acquistato.

Inoltre quando un cittadino della comunità virtuale che caratterizza SixthContinent effettua un acquisto in un negozio affiliato, un 6% del prezzo pagato viene rimesso in circolo nella comunità stessa, generando un sistema di distribuzione equo.

Conclusioni

Basta poco per mettere un freno al flusso di denaro in uscita. Non bisogna diventare dei maniaci del risparmio come i protagonisti della trasmissione “Pazzi per la spesa”, ma con un po’ di pazienza e un pizzico di attenzione in più, si può arrivare a risparmiare somme considerevoli.

Ora voglio rivolgermi alle mamme, consigliando il sito di Ilaria Cuzzolin, Mammarisparmio, dove si possono trovare moltissime risorse per risparmiare sulle spese per la casa e tutto quello che riguarda la crescita di un bambino.

Lascia un commento...è gratis...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *